Escursione alle Quite di Santeramo

Domenica 26 settembre, Santeramo in Colle

Escursione alle Quite di Santeramo

Iniziativa programmata all’interno del progetto Santeramo città che legge

Proseguono le iniziative programmate all’interno del progetto Santeramo città che legge domenica 26 settembre, dalle 9.00 alle 13.00, con una escursione storico-naturalistica alle Quite di Santeramo (partecipazione gratuita con obbligo di prenotazione allo 080.3743487 o rivolgendosi al desk della biblioteca comunale “G. Colonna” lasciando i propri recapiti).

La passeggiata naturalistica a piedi nell’agro di Santeramo porterà alla scoperta delle “quite”. Si tratta di una zona situata sulla Murgia di Santeramo in Colle, a pochi chilometri dal centro urbano che deve il suo nome al termine “quote”, usato per nominare le sezioni in cui venne divisa quest’area per favorire le attività contadine in contemporanea al lento abbandono della pratica della transumanza. La quotizzazione del demanio pubblico ha interessato molti comuni della Murgia sud-est e fu sancita con la legge del 1°settembre 1806, in pieno periodo murattiano. Essa ha trasformato il paesaggio in lotti delimitati da muretti e puntellati di pagliai, oggi pregevoli testimonianza di architettura rurale ottocentesca.

A guidare questa escursione storico naturalistica saranno Chiara Cannito, guida ufficiale del Parco dell’Alta Murgia e Maria Panza referente regionale per il WWF.

Santeramo vola sulle ali dei libri …tutti a bordo è un progetto che coinvolge diversi partner locali impegnati a supportare le attività in programma non solo nella biblioteca ma anche nelle piazze, nell’area del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, tra i vicoli e i palazzi della città, con escursioni, stazioni di book crossing, cacce al tesoro, presentazioni, concorsi aperti alle scuole e molto altro.

L’obiettivo è di promuovere la lettura e l’avvicinamento al bene librario in vista della redazione del Patto per la lettura con l’acquisto di 300 testi che entreranno a far parte del patrimonio librario della biblioteca. Si tratta di titoli dedicati alla letteratura per l’infanzia e opere scelte per piccoli lettori diversamente abili.

L’escursione di domenica 26 settembre partirà dalla rotonda di via Alessandriello nei pressi dell’hotel Sole di Puglia.

È prevista una passeggiata della durata di due ore di difficoltà bassa.

Si consiglia di indossare scarponcini da trekking, cappellino, abbigliamento comodo e di portare una borraccia e una merenda a sacco.

Primo Aperibook organizzato all’interno del progetto Santeramo città che legge

Mercoledì 15 settembre Biblioteca “Giovanni Colonna”, Santeramo in Colle

Primo Aperibook organizzato all’interno del progetto  Santeramo città che legge

Mercoledì 15 settembre, ore 18:00, in programma il primo Aperibook organizzato negli spazi della Biblioteca “Giovanni Colonna” di Santeramo all’interno del progetto Santeramo città che legge. Un incontro in cui sarà presentato il volume Frammenti di Murgia pubblicato da Secop edizioni alla presenza di del Sindaco di Santeramo in Colle Fabrizio Baldassarre, della direttrice della biblioteca comunale “G. Colonna” Rosa Angela Silletti e con gli interventi dei coautori  anche Guide ufficiali del Parco Nazionale dell’Alta Murgia: Chiara Cannito, Giuseppe Giglio e Stefania Pellegrino. A moderare l’incontro la giornalista Anna Larato.

Le attività proseguono domenica  26 settembre con l’escursione naturalistica alle quite di Santeramo, architettura rurale tipica del territorio murgiano, che si svolgerà dalle 9.00 alle 13.00 con accesso gratuito (è necessaria la prenotazione allo 080.3743487 e presso il desk della biblioteca comunale “G. Colonna”).

L’intero progetto ha come claim “Santeramo vola sulle ali dei libri… tutti a bordo!” e coinvolge diversi partner locali che supportano lo svolgimento delle attività in programma non solo nella biblioteca ma anche nelle piazze, nell’area del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, tra i vicoli e i palazzi della città, con escursioni, stazioni di book crossing, cacce al tesoro, presentazioni, concorsi aperti alle scuole e non solo.

L’obiettivo è di promuovere la lettura e l’avvicinamento al bene librario in vista della redazione del Patto per la lettura con l’acquisto di 300 testi che entreranno a far parte del patrimonio librario della biblioteca. Si tratta di titoli dedicati alla letteratura per l’infanzia e opere scelte per piccoli lettori diversamente abili.

AL VIA IL PROGETTO SANTERAMO CITTÀ CHE LEGGE

Mercoledì 8 settembre a Santeramo

AL VIA IL PROGETTO SANTERAMO CITTÀ CHE LEGGE

“Santeramo vola sulle ali dei libri… tutti a bordo!” è questo il claim del progetto che mercoledì 8 settembre verrà presentato agli stakeholders del territorio in un kick off previsto alle ore 18.00 presso la biblioteca “Giovanni Colonna”. Seguirà alle ore 21.00 la prima delle due Notti in biblioteca indirizzata a bambini che inaugura una serie di eventi promossi dall’amministrazione comunale di Santeramo in Colle e coordinati dalla cooperativa sociale Ulixes ente aggiudicatario del bando di gara “Santeramo città che legge”.

A seguire mercoledì 15 settembre alle ore 18.30 ci sarà il lancio ufficiale del progetto negli spazi della biblioteca alla presenza del sindaco Fabrizio Baldassarre, della coordinatrice della biblioteca per conto della cooperativa Soleluna Rosa Angela Silletti, dei rappresentanti della Cooperativa Ulixes e di alcune Guide ufficiali del Parco Nazionale dell’Alta Murgia moderati dalla giornalista Anna Larato con la presentazione del libro Frammenti di Murgia (Secop 2019). Si tratta del primo di quattro Aperibooks, che si svolgeranno da settembre ad aprile 2022, e sarà l’occasione per la presentazione del programma unitario e la distribuzione dei passaporti del lettore, uno strumento che accompagnerà i cittadini durante i singoli appuntamenti e sul quale si potranno apporre di volta in volta i timbri di partecipazione agli eventi.

Diversi partner locali supportano lo svolgimento delle attività che si terranno non solo nella biblioteca ma anche nelle piazze, nell’area del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, tra i vicoli e i palazzi della città, con escursioni, stazioni di book crossing, cacce al tesoro, presentazioni, concorsi aperti alle scuole e non solo.

Il primo passo per un progetto che si pone come obiettivo quello di promuovere la lettura e l’avvicinamento al bene librario e che porterà alla redazione del Patto per la lettura sarà l’acquisto di 300 testi che entreranno a far parte de patrimonio librario della biblioteca. Si tratta di titoli dedicati alla letteratura per l’infanzia e opere scelte per piccoli lettori diversamente abili.

Gli appuntamenti con dettaglio delle modalità di partecipazione verranno comunicati di volta in volta sul sito web della cooperativa Ulixes (www.cooperativaulixes.it) e sui canali social della stessa Ulixes, della biblioteca “G. Colonna” di Santeramo e della cooperativa Soleluna.

Ole@ Summer School

Summer School

STORIA E INNOVAZIONE

NELLA FILIERA OLIVICOLO-OLEARIA

19-23 luglio 2021

Fablab (Bitonto)

La Summer School “Storia e innovazione nella filiera olivicolo-olearia” si  propone come strumento operativo nel settore della formazione universitaria superiore per la preparazione di figure professionalmente qualificate ad operare nel campo della filiera, con particolare specializzazione per gli aspetti della produzione di olio a basso impatto ambientale e di elevata qualità in ambiente mediterraneo.

Gli obiettivi formativi sono:

  • approfondire i caratteri storici della coltura elaicola in Puglia e nel Mediterraneo;
  • conoscere le innovazioni introdotte nella olivicoltura soprattutto in relazione ai nuovi sistemi di meccanizzazione in chiave sostenibile;
  • analizzare gli aspetti di innovazione tecnologica applicati alla elaiotecnica moderna e calibrati sulla resa e sulla qualità del prodotto finale;
  • focalizzare gli elementi chiave per l’adeguata commercializzazione del prodotto olio fornendo nozioni su marketing, comunicazione e dinamiche di mercato;
  • dibattere con rappresentanti del mondo istituzionale sulle politiche per la gestione della filiera, anche riflettendo sulla prospettiva della promozione paesaggistica e turistica del territorio.

INFO E ISCRIZIONI

Il percorso formativo è dedicato ad un massimo di 50 corsisti in possesso di diploma di maturità e/o di laurea triennale e magistrale in discipline agronomiche, biotecnologiche, storiche (L1, L25, L26, L42, LM2, LM5, LM15, LM43, LM69, LM73, LM84, LM89, LMR2) e/o di esperienza professionale in campo elaicolo documentata per almeno quindici anni è obbligatoria la frequenza dell’intero percorso formativo per ottenere i CFU previsti

Per chi non è iscritto ai corsi di laurea elencati è richiesto l’invio del Curriculum Vitae alla mail info@cooperativaulixes.it.

Scadenza iscrizioni 16 luglio

CONTRIBUTO DI PARTECIPAZIONE: 50,00 euro

E’ possibile effettuare l’iscrizione scaricando il modulo a questo link

INFO E ISCRIZIONI:

080.3743487

 info@cooperativaulixes.it

Scarica qui la brochure con il programma completo

Ole@digitalart – residenza artistica digitale

Dal 16 al 30 aprile online

OLE@DIGITALART LA RESIDENZA ARTISTICA DIGITALE CHE RACCONTA LA CULTURA DELL’ DELL’OLIO D’OLIVA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE

A partire da venerdì 16 aprile  presentati online sulla pagina Facebook del progetto Olea (https://www.facebook.com/oleapuglia) e sul profilo Instagram delle Officine Culturali Bollenti Spiriti Bitonto (https://www.instagram.com/officineculturali/) gli esiti della residenza artistica digitale Ole@DigitalArt, progetto ideato e realizzato dalla Cooperativa Ulixes, sostenuto da Regione Puglia e Teatro Pubblico Pugliese nell’ambito di CUSTODIAMO LA CULTURA IN PUGLIA. Le successive date di pubblicazione delle opere sono: martedì 20, venerdì 23 e martedì 27 aprile.

Ole@DigitalArt ha l’intento di elaborare e realizzare un sistema integrato e partecipato, di natura espositiva digitale e divulgativa, legato alla conoscenza diffusa, alla consapevolezza identitaria e alla fruizione smart della cultura dell’olio d’oliva nell’area nord-barese secondo modalità aperte ai temi storici, artistici, religiosi ed etnoantropologici, in un dialogo tra tradizione antica e linguaggio contemporaneo e sviluppando un orizzonte esteso alla comprensione del patrimonio culturale materiale e immateriale.

Gli artisti Elena Bellantoni, Fabrizio Cicero, Valentina Ferrandes e la compagnia teatrale Fatti d’Arte hanno avviato negli ultimi mesi un lavoro di residenza digitale sul tema di uno dei simboli della cultura italiana: l’olivo, i protagonisti della residenza hanno sviluppato un confronto con Lucrezia Naglieri, Renata Savo e Liliana Tangorra, tre professioniste della critica storico-artistica e performativa per sviluppare dei contenuti digitali che verranno diffusi sui canali social nelle prossime settimane e che daranno vita a un catalogo on-line dell’iniziativa fruibile gratuitamente nei prossimi mesi.

Gli artisti e le opere in residenza

 

Fabrizio Cicero

Si ricorda il re

Montaggio e riprese video: Bruno Sorrentino

Scenotecnica: Erika Nevia Cervo

2021

LINK AL VIDEO >> https://fb.watch/4_roylKc5f/

PANNELLO CRITICO A CURA DI LILIANA TANGORRA

_______________________________________________

Valentina Ferrandes

She. With gleaming eyes

Animazione Digitale, 5’, 2021

Soundtrack: Valentina Ferrandes

LINK AL VIDEO >> https://fb.watch/4_rCtgPWJ5/

PANNELLO CRITICO A CURA DI LUCREZIA NAGLIERI

_______________________________________________

Elena Bellantoni

Futura: video 9’55’’
PerPhorma: fanzine digitale

2021

LINK AL VIDEO >> https://fb.watch/57CJGxtd6T/

PANNELLO CRITICO A CURA DI LILIANA TANGORRA

___________________________________________

Fatti d’Arte

COMPOSIZIONE 1,1,2,3,5,8,13…
Video: 4’ 11’’

LINK AL VIDEO >> https://fb.watch/57CWkx_9ZZ/

PANNELLO CRITICO A CURA DI RENATA SAVO

Contest fotografico: Ole@Photography

Il contest di EΛAIA OLEA OLIVA è organizzato da  Ulixes s.c.s., Disum Dipartimento di Studi Umanistici, Thesis srl, Social Lab al fine di valorizzare il talento di fotografi o amatori e dar loro spazio e visibilità.

Il contest Ole@Photografy consiste in una competizione gratuita grazie alla quale sarà selezionata una fotografia che racconti la produzione dell’olio extravergine d’oliva, la raccolta dell’oliva, la tradizione contadina locale. Le fotografie selezionate avranno visibilità sui canali social del progetto EΛAIA OLEA OLIVA.

L’iniziativa rientra nel progetto triennale EΛAIA OLEA OLIVA. Coltura dell’olivo e cultura dell’olio d’oliva in Terra di Bari – OLEA (Oil Learning Experience in Apulia), finanziato dal ‘F.S.C. 2014/2020 UE – Patto per la Puglia’ e all’interno del progetto Polibris.
Il contest è gratuito ed è aperto a tutti i fotografi e amatori della fotografia

Modalità di iscrizione

Per la corretta iscrizione occorre inviare una mail a info@cooperativaulixes.it con oggetto “partecipazione contest Ole@Photography” entro e non oltre il 15 febbraio 2021, includendo una biografia, i propri contatti e la fotografia da candidare in formato JPG 400 dpi.
Le fotografie che supereranno la selezione saranno successivamente pubblicate sulla pagina facebook ufficiale di progetto.

Selezione e premio:

Selezionate le fotografie da una commissione di qualità saranno pubblicate sui canali social per la votazione che dichiarerà il vincitore ufficiale.

Il vincitore del contest riceverà un’oliera in Malta di Geris realizzata dall’artista Maria Pierno.

 

INFO E PARTECIPAZIONE

info@cooperativaulixes.it

 

EIPASS: sconti per pacchetti online utili nel punteggio del GPS

Pacchetto Lim+Tablet

Al prezzo di € 280 anziché € 488.

secondo la nuova tabella di valutazione titoli per l’iscrizione nelle GPS

dà diritto a un punto.

 

+

Eipass 7 moduli 

Al prezzo di € 120 anziché € 170.

secondo la nuova tabella di valutazione titoli per l’iscrizione nelle GPS

dà diritto 0,5 punti.

 

Per info 080 374 3487 | 333 3384010

_______________________________________________________

_________________________

Le Officine Culturali, ormai da anni, fanno parte del network EIPASS e confermano il ruolo di punto di riferimento all’interno del proprio territorio per tutti coloro i quali vogliano acquisire, certificare o aggiornare le proprie competenze in ambito ICT con EIPASS (7 moduli, LIM, Tablet, etc), titolo valido e spendibile in ambito scolastico, universitario e lavorativo, nonché a livello concorsuale e che daranno punti per la prossima apertura delle GPS (tutti i dettagli con gli aggiornamenti per la validità della certificazione sono disponibili a questo link: https://blog.eipass.com/graduatorie-provinciali-tabelle-valutazione-titoli-cosa-dice-lordinanza-firmata-dalla-ministra-azzolina/).

La sede delle Officine Culturali è disponibile per le sessioni di esame rispettando alcune fondamentali norme logistiche.

In questo momento di emergenza sanitaria è necessario rispettare, come noto, protocolli sanitari indispensabili alla tutela della salute di ognuno per questo condividiamo le seguenti disposizioni in vigore da lunedì 18 maggio:

  • è possibile fissare le sessioni d’esame in sede previo accordo sulla fascia oraria;
  • per ogni sessione è possibile ammettere solo 2 persone a distanza di 2-3 m per avere la possibilità di sanificare le postazioni prima della sessione successiva;
  • le sessioni d’esame saranno gestite in base all’ordine di arrivo delle prenotazioni;
  • gli utenti devono essere provvisti di mascherina e guanti durante l’esame, la sede fornisce gel igienizzante per mani;
  • è possibile, a ulteriore tutela degli utenti, sostenere gli esami in sede utilizzando il proprio laptop. In tal caso la sessione si svolgerà in una stanza diversa dall’aula d’informatica con la presenza obbligatoria del supervisore.
  • Eipass offre la possibilità di sostenere l’esame presso la propria abitazione con il versamento di un contributo aggiuntivo.

L’ EiCard e gli esami per i sette moduli previsti è disponibile ad un costo agevolato.

Per informazioni e prenotazioni per le sessioni d’esame è possibile contattare la sede delle Officine Culturali di Bitonto (Largo Gramsci 7) al numero di telefono 080 374 3487 nella fascia oraria mattutina (9.30 – 12.30) o inviare una mail all’indirizzo comunicazione@cooperativaulixes.it

SCENA OLIO

SCENA OLIO

L’acidità dell’olio EVO indica la percentuale di acido oleico in un olio è il principale indicatore della qualità dell’olio di oliva. Più alto è il suo valore più scadente è la qualità dell’olio.

L’acidità è accertabile solo con analisi chimiche di laboratorio.

Non deve essere confusa con il leggero pizzicore che si sente in gola che invece è indice di recente spremitura delle olive ed è legata al tipo di cultivar molita.

In generale si usa classificare:

  • Olio extravergine di oliva con acidità compresa tra 0,00% e 0,80%
  • Olio vergine di oliva con acidità compresa tra 0,81% e 2,00%
  • Olio di oliva lampante con acidità compresa tra 2,01 in su

Le denominazioni commerciali degli oli sono codificate dall’Unione Europea infatti nel regolamento CE 1513/2011 sono descritte tutte le categorie di oli di oliva nel dettaglio.

 

È possibile approfondire attraverso i Pannelli di Olea Exhibition disponibili a questo link: https://drive.google.com/file/d/1mOa0n5-6KGl4rUDH4ExcQ6hlP1dF5IBG/view?usp=sharing

 

SCENA TRASPORTO

SCENA TRASPORTO   

Il trasporto dell’olio era affidato a contenitori fittili come le anfore e a recipienti in materiale deperibile, utilizzate anche per la conservazione e distribuzione anche in ambito locale.

Le città destinavano appositi spazi pubblici come i mercati, alla compravendita del prezioso liquido che spesso arrivavano da città lontane. Di particolare successo era l’olio prodotto nel Mediterraneo occidentale, nelle campagne della Spagna, dell’Italia, dell’Istria, dell’Africa settentrionale.

Nel periodo tardo repubblicano il commercio dell’olio italico del Sannio, della Campania e della Puglia ha svolto un ruolo trainante nell’economia romana.

A partire dal principato di Augusto, al mercato si affermò anche l’olio della penisola iberica e, nel II sec. D. C., sino alla fine dell’età tardo-antica (VII sec.), l’olio africano si impose nei traffici commerciali del Mediterraneo quale protagonista dell’approvvigionamento civile e militare.

A partire dall’età imperiale, secondo un’antica consuetudine, si consolida inoltre il commercio di olio profumato, aromatico e medicamentoso: piccoli contenitori erano utilizzati per trasportare olio di buona qualità usato di frequente negli edifici formali e nella toelettta personale ovvero, più tardi, nelle liturgie legate alle celebrazioni nei riti di culto cristiano.

(Ole@exhibition progetto Elaia Olea Oliva – Il trasporto)

 

È possibile approfondire attraverso i Pannelli di Olea Exhibition disponibili a questo link: https://drive.google.com/file/d/13cBGyi9swab5V197lO7g4AnCToMOfMMy/view?usp=sharing

SCENA LUCERNE

SCENA LUCERNE  

Antico è il rapporto tra olivo, olio ed esperienza religiosa nella tradizione occidentale. Già nel mito greco l’olivo viene apprezzato da divinità ed eroi: la dea Atena ottiene la supremazia sull’Attica e dà il nome della sua capitale, Atene, proprio perché le fa un dono di un albero d’olivo. Ulisse intaglia in un tronco d’olivo il suo talamo; il Ciclope ed Ercole hanno una clava in legno d’olivo.

La pianta sacra ad Atena, il cui profilo campeggia sulle monete bronzee anche della zecca di Butuntum, assurge dunque a simbolo di prosperità, pace, vittoria: ad Atene infatti, durante le Panatenee – gare atletiche in onore di Atena – i vincitori venivano premiati con anfore piene d’olio.

Dall’iniziazione cristiana alla morte corporale, l’olio si rivela dunque segno e simbolo dell’itinerario che accompagna la vita del fedele. E ancora, l’olio refrigera l’episodio più triste della Via Crucis: prima della deposizione nel sepolcro, il corpo di Cristo è trattato con unguenti dalle tre Marie.

L’olio brucia della tremola fiamma delle lucerne per illuminare la mensa dell’altare e, soprattutto dal Medioevo, arde nelle lampade devozionali poste davanti al tabernacolo e alle edicole votive.

(Ole@exhibition progetto Elaia Olea Oliva – La ritualità)

 

È possibile approfondire attraverso i Pannelli di Olea Exhibition disponibili a questo link: https://drive.google.com/file/d/1A3sbtnJ7q-Q4IeXuxgDUOhoQGPofB2cr/view?usp=sharing